• Servizi ai Minori
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second1.jpg
  • Servizi agli Anziani e Disabili
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second2.jpg
  • Servizi Socio Sanitari
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second4.jpg
  • second3.jpg
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second3.jpg
  • second5.jpg
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second5.jpg
  • second6.jpg
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second6.jpg
  • second7.jpg
    https://consorziosisifo.it/images/slideshow-second/second7.jpg
Arena (Legacoop): Oggi è il tempo per promuovere l'assistenza sanitaria domiciliare complementare all’ospedalità    Vita 15.06.2020 Mimmo Arena, coordinatore gruppo di lavoro sanità di Legacoop Sociali sugli emendamenti prevedono la realizzazione di piani regionali pluriennali per il rafforzamento dell'assistenza domiciliare integrata: «La presenza sui territori dei vari player di cure domiciliari è già capillare nuove norme potrebbero finalmente dare indicazioni concrete per consentire il passaggio da una medicina ospedaliera ad una medicina sempre più territoriale».   È di questi giorni la proposta per il rafforzamento dell’assistenza domiciliare integrata, già lanciata dal Decreto Cura Italia, che il Gruppo di lavoro Sanità di Legacoopsociali condivide pienamente. L’iniziativa legislativa è a cura di Cittadinanzattiva, insieme ad un folto numero di organizzazioni civiche, associazioni di pazienti, federazioni e ordini professionali, società scientifiche e rappresentanti del mondo delle imprese, che torna nel Decreto Rilancio grazie ad emendamenti presentati da parlamentari nazionali di quasi tutti i gruppi (M5S, PD, Leu, Fratelli d'Italia, Forza Italia e Gruppo Misto). Gli emendamenti prevedono la realizzazione di piani regionali pluriennali per il rafforzamento dell'assistenza domiciliare integrata.   Leggi tutto...
Mimmo Arena, Presidente del Consorzio Sisifo e coordinatore del gruppo di lavoro sanità di Legacoopsociali DIRITTI, intervistato al Forum nazionale del terzo settore.Leggi l'articolo e ascolta ll'intervista...    
La Sicilia 09.05.2020 - di Elena Giordano  Alta tecnologia e assistenza domiciliare telematica e integrata, l'evoluzione dell'erogazione delle cure sanitarie è già cominciata. Lo spiega Mimmo Arena Presidente del Consorzio Sisifo e coordinatore nazionale del gruppo di lavoro Sanità Legacoopsociali.  
MESSINA. Poche ore per avere il quadro definitivo del numero dei contagiati di coronavirus tra anziani e operatori della casa di risposo Come d’Incanto di via I Settembre. Gli operatori, anche loro quasi tutti positivi, sono stati fatti uscire. Nel pensionato ci sono ancora 50 anziani, sui quali si deciderà entro un paio di giorni, dopo che saranno stati completati i tamponi del test del coronavirus. Il sindaco di Messina Cateno De Luca denuncia: “Nessuno vuole venire ad accudire questi anziani. Lancio un appello agli operatori della Messina Social City: ne servono 6, venite ad accudirli, fatevi avanti. Se non lo farà nessuno, verrà io alle 15 ad accudirli“. Gli operatori disponibili possono contattare Valeria Asquini, presidente della Messina Social City, al 328-1545117. Di seguito il link del video facebook pubblicato sulla pagina del sindaco De Luca. Leggi tutto...
 I dipendenti della casa di riposo “Come d’incanto” di Messina sono andati via. Era stato preannunciato ieri, sono tutti allo stremo delle forze dopo quasi una settimana di isolamento dentro la struttura. E almeno metà di loro sono già risultati positivi al test per il contagio da Covid-19. Al momento dentro la residenza per anziani di via I Settembre - dove stamattina sono in corso i tamponi per 45 ospiti e altri 13, già risultati positivi, sono ancora all’interno - sono rimasti un dipendente è un volontario.   Da qui l’appello del sindaco Cateno De Luca, che ha chiesto ai volontari della città di contattare la presidente della Messina Social City, Valeria Asquini (il numero di telefono è 3281545117) per offrire la propria assistenza nelle prossime 48 ore, i tempi tecnici necessari per procedere con l’evacuazione della struttura. Un medico avrebbe già dato disponibilità, ma si attendono buone nuove anche da una o più strutture sanitarie della città. “Sono disposto a essere uno di quei sei volontari”, ha detto De Luca. Leggi tutto...